Torre Guaceto ha il suo non so che.

In questa riserva naturale di Puglia, a pochi chilometri da Brindisi, ci si può avventurare fino a scoprire quei piccoli dettagli che fanno la differenza.

Torre Guaceto, Puglia
La torre sulla spiaggia di Torre Guaceto (Puglia)
La riserva naturale

Zona umida“, troverete segnalato e questo, per come la vedo io, è proprio quanto di più speciale possa vantare il cuore della riserva.

L’esteso canneto, adagiato su un letto d’acqua, la rende quasi inaccessibile all’uomo.

Di tanto in tanto, sul percorso attraverso cui si accede alla lunga spiaggia, si lasciano fotografare lucertoline, fenicotteri (timidissimi) e paperelle che intravedi nuotare spensierate negli stagni tra la folta vegetazione. Quanta ricchezza di flora e fauna!

Nascosto da arbusti, alberi e canneti, si staglia un paesaggio fatto di mare, sabbia finissima, scogli da scalare e dune alte da togliere il fiato.

L’arte scolpita e colorata dalla natura non sarà la sola a lasciarvi il ricordo di una giornata speciale; qui, a Torre Guaceto, si respira anche aria di storia.

Quell’antica torre che spesso è una costante per le coste pugliesi, apre immaginari a cui non si può far a meno di pensare; una serie di sistemi di guardia e difesa contro le invasioni dei Turchi e dei Saraceni.

Se amate la natura e vi piace fare gli esploratori, sappiatelo, potete raggiungere Torre Guaceto attraverso la statale che collega Bari-Brindisi, con uscita Serranova. Potete accedere alla spiaggia sia da un lato che dall’altro della statale stessa, sebbene in entrambi i casi potrete procedere solo a piedi, in bicicletta o a cavallo.

Vale la pena camminare per circa 3 chilometri? Se c’è natura, vale sempre la pena!

Torre Guaceto.2
Un dettaglio del percorso
torre Guaceto.3
Torre Guaceto, Puglia
Torre Guaceto.6
Torre Guaceto, Puglia

Torre Guaceto.7

 

torre Guaceto.9

 

Torre Guaceto.13

Torre Guaceto.14

Torre Guaceto.16

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *