browser icon
You are using an insecure version of your web browser. Please update your browser!
Using an outdated browser makes your computer unsafe. For a safer, faster, more enjoyable user experience, please update your browser today or try a newer browser.

About

me.0

Chi sono

Questa sono io e la Puglia è la mia terra.

Sono riservata, mi piace ascoltare musica e vivrei volentieri in una libreria.

Sorrido sempre (o quasi) e il mio cassetto è pieno di sogni.

Viaggio da quando ero bambina, con una vecchia Fiat 500 che si lasciava sorpassare in autostrada. E’ da allora che ho subito il fascino della scoperta.

Il viaggio è sapori, odori, immagini, emozioni, persone, voci, culture..

Nella mia prima presentazione mi sono descritta attraverso il luogo in cui vivo, la  terra dei campi di grano, quelli che in primavera si vestono del rosso dei papaveri, tra sole, mare, ulivi secolari e trulli.

La terra dove i panni sono appesi ai balconi, dove le famiglie rumorose lasciano ancora le porte di casa spalancate all’accoglienza e le nonne sono piegate sul tavoliere di legno a dare forma ad ogni singola “orecchietta”.

Oggi non c’è viaggio senza mio marito. Lui intervista la gente, è addetto alla telecamera e… finanzia le nostre avventure.

Me.1me.2me.3

Mia sorella

Mia sorella è l’anima più nascosta del blog. Di rientro dai suoi viaggi tiene desta la mia attenzione affinché ascolti i ricordi che la sua macchina fotografica custodisce senza segreti.

Adora la cucina italiana ma non le difficoltà che costringono i giovani ad emigrare all’estero in cerca di lavoro.

Quand’era piccola, era l’instancabile viaggiatrice che andava su e giù per le montagne.

Il suo luogo del cuore è l’Africa.

Ama i balli latino americani e come me colleziona spillette dell’Hard Rock.

Sarò io stessa a raccontare i suoi viaggi. Il mio blog sarà la sua voce.

Io e mia sorella durante un viaggio a Venezia

Io e mia sorella durante un viaggio a Venezia

E poi ci sono loro…

Mia madre è la classica persona che fa mistero dei suoi viaggi. Avvisa noi altri che è in partenza solo quando la sua valigia è pronta.

Teme l’aereo e adora i viaggi organizzati, quelli con comitive di pensionati che trascorrono metà della vacanza seduti al tavolo di un ristorante o sulla seggiola del pullman.

Sola o con la complicità di mio padre, non manca mai di dire “ti ho fatto le foto così le metti nel blog”.

E l’inviata speciale gliela vogliamo far fare?

Infine c’è lei, la mia valigia

Al momento la mia valigia in viaggio è verde con su disegnata una tartaruga.

All’aeroporto si fa attendere con apprensione mentre in hotel è lei che aspetta me.

Dentro ci troverete l’indispensabile per viaggiare, i souvenir, i miei abiti, i miei ricordi.

Questo blog rappresenta la mia valigia.

TIZ

me.5me.6me.7me.8

________________________

About me

This is me and Apulia is my land.

I’m discreet, I like listening to music and I’d like to live in a bookstore.

I always smile (or almost) and my drawer is full of dreams.

I trip since I was a child, with an old Fiat 500, yellow, that was overtake by other cars, on the highway. Since then I have been fascinated by the discovery.

 The journey is tastes, smells, images, people, voices, cultures, feelings.

In my first presentation, I described myself through the place where I live, the land of wheat fields (the same that in spring will stain with red poppies), sun, sea, olive trees and trulli.

The land  surrounded by balconies with clothes hanging, noisy families that still leave their doors home open to reception, grandmothers bent on wooden board to do the shape to every single “orecchietta” .

 I travel with my husband. He talks to the people, uses a camera and … finances our adventures.

My sister

My sister is the most hidden soul of this  blog. When she comes back from her travels, she tells about the adventures that her camera guards without secrets.

She loves Italian food but not the difficulties that force young people to emigrate abroad in search of work.

When she was a child, she was already a tireless traveler.

Her favorite place is Africa. She loves Latin American dances and  collects Hard Rock pins like me.

I’ll write about her trips. My blog will be her voice.

And then there are them

My mother is the type of person who makes mystery of her travels. She says she’s leaving when her suitcase is ready.

She is afraid of the plane and prefers the package holidays, those with groups of pensioners who spend half the trip, sitting in a restaurant or into the bus.

With my father’s complicity, she comes back saying “I took photos for your blog”.

Why deny her to be the special envoy?

And finally there’s my suitcase

 At the moment my suitcase is green with a turtle.

At the airport I wait for it and it waits for me in the hotel.

Inside of it, you will find the indispensable for traveling, souvenirs, my clothes, my memories.

This blog represents my suitcase.

TIZ


10 Responses to About

  1. wwayne

    Se ti piace viaggiare, ti raccomando ad occhi chiusi i film di cui ho parlato in questo mio post: http://wwayne.wordpress.com/2014/09/28/i-miei-10-road-movies-preferiti%e2%80%8f/. : )

    • tizzi81

      Ho letto la lista da te proposta. Grazie! Farò tesoro della tua segnalazione. Perdona il ritardo con il quale ti rispondo. 😉

  2. flavia ricciuti

    bellissima questa tua descrizione! Mentre leggevo non potevo che immaginare il tutto ritrovandomici poiché, sebbene nata a Roma, ho tutta la famiglia del sud e ogni estate la passavo nel paesino calabrese di mia nonna, per cui queste scene le ho bene impresse nella mente, ma soprattutto nel cuore! 🙂

    • lavaligiainviaggio

      E’ vero, tanto che quei luoghi mi sono impressi in fondo all’anima e non se ne vanno più. Sono quelle cose che, ovunque vada, vengono via con me. Un abbraccio! 😉

  3. Lady Pillo

    Complimenti per il tuo blog, anche mia mamma è pugliese! 🙂

  4. I Rintronauti, due toscani in viaggio

    Bellissimo! Condividiamo pienamente quanto hai affermato: viaggiare è anche scoprire la propria terra!

    • lavaligiainviaggio

      Di questo ne ho la ferma convinzione soprattutto quando mi trovo gente che la propria terra nemmeno la conosce bene. Si tende sempre a trovare spazio per i luoghi lontani senza conoscere ciò che ci sta vicino. Proprio voi mi fate venire in mente “la cava di Altamura” su cui avete scritto un post. Ma sapete quante persone, in Puglia, non conoscono ancora la sua esistenza? Vi lascio immaginare…

  5. Claudia B. Voce del Verbo Partire

    Ma Tizzi che bella questa tua presentazione! Io ne ho perse tante, ora sto recuperando….
    Mi piace il modo in cui ti sei raccontata, adoro la scelta delle foto!!!! Praticamente è una gallery che spiega da dove tutto è iniziato. Una bellissima idea ?
    Ti mando un bacione
    Claudia B.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Site managed by Scribit