Napoli è la città del presepe per eccellenza.

Nel cuore del suo centro storico, la gente accorre a San Gregorio Armeno per ammirare le botteghe di artigianato con i personaggi da aggiungere alla rappresentazione della natività.

San Gregorio Armeno, Napoli
San Gregorio Armeno, Napoli

Tra sacro e profano

San Gregorio Armeno è una stretta via capace di raccontare tantissimo in ogni piccolo dettaglio, là dove il sacro si confonde al profano: credenze popolari, tradizioni, religione, fatti del nostro tempo.

Così, di fianco ai classici figuranti del presepe, quelli che tradizionalmente richiamano le atmosfere di un settecento senza pretese, in grado di accogliere con semplicità la nascita del Bambino Gesù, troviamo la narrazione  della contemporaneità e della cultura più strettamente legata al mondo napoletano.

Tutto è racchiuso nell’arte della terracotta, magistralmente plasmata dai maestri napoletani.

Ci sono Trump e la rivale Hillary Clinton, Paolo Gentiloni e Renzi.

Ci sono le sculture di William e Kate Middelton con i principini,  vari personaggi pubblici, l’amatissimo Pino Daniele e i compianti Paolo Villaggio e George Michael.

Napoli

Napoli

Napoli

San Gregorio Armeno, Napoli

San Gregorio Armeno, Napoli

La tradizione classica del presepe

C’è di tutto a San Gregorio Armeno o almeno tutto quello che serve per il presepe, dalle strutture che rappresentano capanne e villaggi, in ogni dimensione le si desideri, ai personaggi che secondo la tradizione vengono sistemati attorno alla Sacra Famiglia: il pastorello, la contadina, il fruttivendolo…

La minuziosità dei dettagli è sorprendente.

Arredi, oggetti, utensili, frutta, verdura e carne con cui allestire case e botteghe del presepio, sembrano veri.

San Gregorio Armeno, Napoli
Dettagli del presepe realizzati dai Fratelli Capuano

San Gregorio Armeno, Napoli

San Gregorio Armeno, Napoli

San Gregorio Armeno, Napoli

San Gregorio Armeno non è solo la via dei presepi per eccellenza. In questa strada piccina emerge il carattere scaramantico del napoletano e le figure della tradizione. Il corno è ovunque come pure immancabile è Pulcinella.

Napoli

Napoli

Oltre i presepi di San Gregorio Armeno

I cortili nascosti, l’omonima Chiesa di San Gregorio Armeno, il Convento delle Monache…

Oltre i presepi c’è la storia celata dietro l’angolino in cui svoltare.

Napoli sa essere caotica, a volte antipatica, altre di una straordinaria accoglienza. Ma non si può negare che la sua bellezza sia proprio nel caratteristico attaccamento alle tradizioni popolari.

Napoli è un mondo a sè per la storia che rivive nella sua quotidianità, nel dialetto così tante volte cantato, nei sapori invano imitati in tutto il mondo.

Napoli è Napoli e non c’è niente che sia una meta natalizia talmente azzeccata quanto possa essere la sua via dei presepi.

San Gregorio Armeno, Napoli

San Gregorio Armeno, Napoli

San Gregorio Armeno, Napoli

6 Replies to “San Gregorio Armeno: la via dei Presepi di Napoli”

  1. Ma perché quando sono stata a Napoli non mi hanno portata in questo posto? Per carità, ho avuto pochissimo tempo a disposizione e mi hanno portata a mangiare la pizza, ma non mi sarebbe dispiaciuto vedere anche San Gregorio Armeno. Eh, ci devo proprio tornare a Napoli ?

    1. Eh, diciamo che secondo me San Gregorio Armeno merita di essere messa nella lista del “the best” di Napoli. Per fortuna Napoli è una meta tutta italiana, sono certa che presto avrai modo di recuperare e che sarai tu a farmi scoprire un aspetto di lei che io stessa non ho avuto modo di conoscere.
      Tranquilla, sono proprio sicura che ci torni.
      Baci baci Silvia. 😉

  2. Sai che io amo questo accostamento di sacro e profano? Non posso negarlo, mi affascina. Sono per la tradizione, ma sono anche per la contemporaneità. E’ una cosa che fa proprio parte del mio modo di essere. Per cui trovo straordinario San Gregorio Armeno, così caratteristico, ma anche fuori dagli schemi.
    E che foto Tiziana, lasciano a bocca aperta…
    Claudia B.

  3. Tiziana ma come fai a cambiare le date dei post? Io quando ho letto il post su Locorotondo questo qui mica c’era? O forse sono io che assumo troppe sostanze stupefacenti hahahaha 😛
    Comunque hai speso delle splendide parole per questa città. Napoli è vero che è una città piena di ladruncoli ma è lei stessa capace di rubarti il cuore!
    L’hai vista pure la statuetta di Bebe Vio? Tu non puoi immaginare la calca che c’è ora sotto natale in questa via, un delirio! O_O

    1. Dani, mi dispiace dirtelo, sti giorni stai alzando troppi bicchieri di vino ;)! Non saprei dirti come cambiare date ai post ma certamente so come trascurare la newsletter (questo si).
      Immagino il delirio che c’è ora. Me la sono goduta proprio con calma perchè diciamolo che San Gregorio Armeno c’è tutto l’anno, non solo nel periodo natalizio!
      Bebe Vio? Si, l’ho vista pure io.
      Baci Dani.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *