Grazie all’Hashtag Guarda come viaggio di Anna, blogger di Profumodifollia (follemente innamorata dei viaggi), ho l’occasione di raccontare un po’ di me, di come viaggio.

Vi lascerò sbirciare nella mia vita, mostrandovi le mie abitudini di viaggio in 5 semplici punti.

Dove dormo

E’ incredibile quanto il viaggio sia capace di incidere sul mio modo di essere… esigente.

Insomma, da una che è in lotta continua contro germi e batteri, voi ve lo aspettereste che è capace di dormire ovunque, ma proprio ovunque? Parola d’ordine “essere in viaggio” perché altrimenti il mio essere schizzinosa non si schioda da me.

Orbene, pur di inseguire la tendenza al risparmio, a favore di un giorno di viaggio in più, mi accontento di passare la notte in aereo (scegliendo, quando possibile, i voli notturni), in aeroporto, nel camerone di un convento di suore, in un hotel o in una guest house di qualunque ordine e grado purché non manchino finestra e bagno in camera.

Ovviamente, tutto ciò comporta il rischio di non sapere mai a cosa andare incontro.

In uno dei più recenti viaggi, per fare un esempio, nel mio letto si è intrufolata una blatta che mi camminava sul fianco (e sotto la maglietta, mica sopra). La sensazione di “tic tic tic” delle sue zampettine, mi fa ancora venire la pelle d’oca. Voglio precisare che la guest house in questione non lasciava affatto a desiderare in quanto a pulizia. Evidentemente la blatta (e vi dico che il paesello ne era pure pieno), sarà entrata di certo da un bucherello nel muro del bagno, fatto apposta per far defluire all’esterno l’acqua della doccia. Una volta tappato, gli incubi sono finiti.

Il più bel posto dove abbia dormito? In uno spazioso bungalow a Chiang Rai, in Thailandia.

2-hotel
#guardacomeviaggio

Dove mangio

Quando sono in viaggio, cerco di fare attenzione. Temo i virus intestinali come non immaginereste, io che già coi mal di testa metto a soqquadro l’equilibrio precario del mio stomaco. In genere sono out i ristoranti, che sarebbero un’ottima alternativa ai supermercati. Tuttavia con il “take away” alias “compra, vai e mangia” riesco a fare un salto nei posti più carini.

Lo Street Food? Se intendete quelle bancarelline improvvisate in strada, sappiate che mi danno l’idea di cibo e padelle lavate nella bacinella con la stessa acqua da 24 ore. Anche se, a dir la verità, quando è fame, è fame. In quel caso, sappiate, non aspettatevi piogge o nevicate.

In quanto ai piatti tipici del posto, dove non arrivo a trovar coraggio io, ci pensa mio marito. Se so che il Durian ha il sapore di cipolla lo devo a lui (ovviamente non posso confermare).

guardacomeviaggio

Come mi muovo

Metro, bus, tuk tuk, barca, camminata,  auto,  e… aereo.

L’aereo è il mezzo che più preferisco. E’ così bello stare tra le nuvole e vedere il mondo da lassù, che un viaggio da 12 ore lo percepisco lungo quanto una sola ora.

E poi c’è la metropolitana, veloce e così semplice da capire. A fermata corrisponde luogo, più facile di così!

Guarda come viaggio
#guardacomeviaggio
Guarda come viaggio
guardacomeviaggio

Le attrazioni che scelgo

I monumenti principali, i luoghi naturalistici più gettonati sono le attrazioni che non voglio perdere. Adoro gli angoli più curiosi tipo la casa più piccola, la via più stretta, il posto dove è stato girato un film o dove è stata ambientata una celebre storia. Ancora, i negozi con i prodotti tipici, le librerie, i giardini, i luoghi per bambini, quelli dove respirare la cultura del luogo, i musei di Storia Naturale e quelli gratuiti.

Come Anna, anch’io spulcio le informazioni su  TripAdvisor.

Guarda come viaggio
guardacomeviaggio

Strane abitudini

Svegliarsi presto al mattino e fare un pranzo a colazione sono due abitudini di viaggio su cui non transigo. Davvero trovo inutile spendere fior di quattrini per fare un viaggio e restare a dormire solo per il piacere d’essere pigri.

Come faccio a non andarmene in giro con la faccia da zombie? Lo devo alla (breve) pennichella pomeridiana fatta rigorosamente, quando possibile, sull’erbetta di un parco.

Altra mania è l’attrazione per le spille comprate da Hard Rock Cafe e negozietti in genere. Di spillette ne ho la borsa piena!

Guarda come viaggio
guardacomeviaggio

 

12 Replies to “Guarda come viaggio in 5 punti”

  1. Ah mamma mia la blatta che ti cammina addosso, che paura! Come dici tu a volte purtroppo capita anche nei posti non infimi: io una volta a New York mi sono ritrovata un bel topo in camera, hai presente quelli che rovistano nella spazzatura? Lui invece rovistava nella mia valigia 😉
    Anche io amo svegliarmi presto al mattino in viaggio, in modo da vedere più cose.
    Grazie per aver condiviso le tue abitudini, è sempre bello sapere come viaggiano gli altri ed eventualmente trovare ispirazione.
    Buona domenica 🙂

      1. Io volevo cambiare hotel ma purtroppo avevo già pagato per le notti successive, quindi con molta insistenza – e qualche lacrima – ho convinto la ragazza della reception a darmi una stanza qualche piano più su 😉

  2. Ciao Tiziana anche il mio must have è il bagno in camera. Ma più per Orso che per me, non ci provo neppure a proporgliela una camera con bagno condiviso: c’è il rischio di non partire affatto!
    Bellissima la foto dell’aereo che sorvola il deserto giordano! *_*
    In merito all’HR anche io dovrò virare sulle spillette, mi piacciono di più le magliette ma hanno subito un’inflazione tale che con quei soldi ci paghi un volo A/R.
    Hhahah scusa ma non posso fare a meno di notare i 7 cm di distanza dallo spider volto! Hai fatto bene, germi&batteri a gogo!
    Saluti!
    Ps: perchè non carichi un plugin di quelli che ci possiamo registrare così da ricevere una notifica quando pubblichi un post? 😉

  3. Guà se fosse stato quello del film (reale, intendo) ai germi non ci avrei pensato proprio! Bè, quando viaggio mi rassegno comunque a non pensarci.
    Sul plugin… ci penserò, anche se, in genere, pubblico il fine settimana. Vale questa notizia al posto del plugin?
    Saluti a te, sorella Orsa.

  4. Proprio stanotte ho sognato casa mia invasa dalle blatte! Ma addirittura addosso mentre dormi AAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAH!! Se succedesse a me finirei in una casa di cura, ne sono sicura! @_@
    Pure io colleziono spille dell’Hard Rock, però le tengo chiuse in un cassetto. Sullo zaino ho troppa paura di perderle o di rovinarle, anche se adoro il tuo! Mi piacerebbe trovare un modo per metterle in un quadro, ma non ho idee.

    Grazie per aver partecipato cara 🙂

  5. In effetti ho anch’io paura di perderle quelle costosissime spillette, Ecco perché la borsa l’ho infilata in un’altra di plastica trasparente e la uso pochissimo. Diciamo che è più da esposizione e diciamo pure che anche io ho pensato di metterle in un quadro, disponendole in modo da creare una chitarra, proprio come sono esposte negli Hard Rock.
    Le blatte… non pensavo ma sono sopravvissuta. Ora mi tocca trovare il coraggio di cibarmi di vermi e sono pronta a tutto. 😉
    Grazie a te per aver creato questa iniziativa!
    Baci baci.

  6. hahahah come sai io e le blatte invece siamo grandi amiche! 🙂
    Mi ha fatto sorridere quando dici che un volo da 12 ore è come fosse 1, anche per me è così!

  7. Eee si. Io adoro stare in aereo. Mi piace guardare fuori dal finestrino, guardare i miei vicini di posto, parlarci (un po’ meno svegliarli se devo andare in bagno), ascoltare le hostess, volare tra le nuvole, atterrare, l’aereo che prende la rincorsa per decollare, alzarsi in volo, sentirmi frastrornata quando l’aereo fa le sue curve in cielo. Adoro, adoro, adoro. Le blatte invece non credo mi saranno mai simpatiche quanto le formiche, ma dopo la battaglia nel letto, finita 1 a zero per me, forse ci penserò a essere meno schifata (sensi di colpa in agguato).
    Ciao Cris! Bacissimi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *