Ci sono momenti che solo la domenica sa rendere speciali. Nessun traffico per le strade, niente gente in corsa per andare a lavoro o negozi aperti con clienti che scelgono scrupolosamente cosa comprare.

Per me la domenica ha sempre avuto un sapore diverso. Sa di famiglia e d’infanzia. Come quando ero una bambina e con i miei genitori andavo a Fasano per fare visita a nonni e zii.

La domenica mattina riempie i vicoli silenziosi di profumi del pranzo con la salsa di pomodoro quale ingrediente principe e di vassoi appena comprati dalle pasticcerie.

 Una passeggiata a Bernalda

Metti uno di questi pomeriggi in un borgo piccolo da starci su uno sperone di roccia  appena accennato. Un borgo di quelli poco conosciuti se non fosse per il regista americano Francis Ford Coppola che qui è nato e qui ha aperto Palazzo Margherita, il lussuoso albergo con annesso il bar-ristorante “Cinecittà”. Nome e stile dagli echi cinematografici.

Cinecittà Bar, di fianco all’hotel del noto regista americano Francis Ford Coppola

Le casette bianche dai richiami pugliesi, le strade piccole, il silenzio, qualche tv accesa, un anziano seduto sul ciglio di casa a passare il tempo guardando quel paesaggio attorno che pare restare immutato se non fosse per i colori del cielo che cambiano, la signora che pulisce la strada, io che dimentico tutto lasciandomi entrare nella bolla del “qui e ora”.

Bernalda.5
Dettagli sulla pavimentazione del borgo
Bernalda.6
La piccola chiesa di San Bernardino, di fronte al Castello di Bernalda

 

Sul vasto panorama si affacciano, mute, il castello e la chiesa di San Bernardino.

Tra i bianchi vicoli di Bernalda, nel cuore della Basilicata, si percepisce una irreale calma che porta alla mente immagini calde, fatte di famiglia e tranquillità.

Bernalda.7
Il castello di Bernalda
Bernalda.8
I bianchi vicoli del borgo antico
Bernalda.9
La bianca facciata di una casa del centro storico

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *