Ho pensato molte volte se pubblicare questo post, uno di quelli dove un luogo cela più di un racconto.

"La fontana ai piedi di Castel del Monte"
“La fontana ai piedi di Castel del Monte”

Sentivo di doverlo fare. Forse anche la piccola di cui sto per scrivere lo vorrebbe affinchè la sua storia non venga dimenticata e insegni a guardarci attorno con la giusta dose di diffidenza.

Quella fontana ai piedi di Castel del Monte

Ai piedi di Castel Del Monte, capolavoro architettonico nato sotto il regno di  Federico II di Svevia, c’è la fotografia di Graziella, una bambina dall’aspetto solare.

Per quanto i castelli siano i luoghi prediletti per i racconti fantastici, purtroppo la sua storia non è una favola dal lieto fine, di quelle in cui il cacciatore arriva a liberare la protagonista. Nè lei doveva portare la focaccia alla nonna. Doveva solo prendere dell’acqua alla piccola fontana, nel luogo dove la natura e la storia convivono da secoli.

Un giorno arrivò il lupo e lei, come Cappuccetto Rosso, piccola e gentile, non ha saputo dire no. Così la sua vita si è spenta nel bosco.

Il sorriso di Graziella ti commuove e torna alla memoria ogni volta che ci si chiede come imparare a riconoscere quel “lupo cattivo”.

Ai piedi del castello, dove Graziella è volata via, la fontana accanto alla sua foto dà una stretta al cuore.

la fontana di Castel del Monte

Quanti insegnamenti…

Gli sbagli irreparabili del lupo, la gioia di crescere potendosi fidare del mondo, senza campane di vetro che nascondano il buio che prima o poi può sorprenderci.

Quante ingiustizie, quante brutture umane spengono vite, sorrisi, luoghi.

La fontana di Castel del Monte
La fontana ai piedi di Castel del Monte

2 Replies to “La fontana ai piedi di Castel del Monte”

    1. Non sai quanti scrupoli mi sono fatta prima di cliccare su “pubblica”. Lo avevo perfino cancellato una prima volta, ma se non lo facevo stavo ancora più male. I dettagli della storia si trovano su internet perché io li ho risparmiati. Sono 15 anni che non riuscivo a dimenticare il destino di Graziella. Poi ho incontrato quella fontana e non sono riuscita ad andarmene senza far finta di niente. 🙁

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *